COSA CONTA NEL DEFINIRE CHI E' LAVORATORE

In una interessante sentenza pubblicata la scorsa settimana, la Corte di Cassazione ha ribadito un principio:

a prescindere dal fatto che un lavoratore possa essere titolare o meno di un’impresa artigiana o essere un lavoratore autonomo, quel che conta è che egli oggettivamente disimpegni mansioni lavorative tipiche del lavoratore dipendente e con strumenti messi a disposizione dell’imprenditore, nel luogo di lavoro deputato dall’imprenditore.

Il caso fa riferimento a un muratore che operava in un cantiere prima di aver effettuato sia l’accertamento sanitario attestante l’idoneità alla mansione svolta, sia la formazione. Il titolare dell’impresa di costruzioni si difende in vari modi, spiegando tra l’altro che il lavoratore era in realtà impegnato in attività non indicative del rapporto di subordinazione ed effettuate da artigiano edile.

Ricerca

Ti piacciono le nostre news? Non perderne più nemmeno una, iscriviti alla nostra newsletter. Ti terremo informato sugli aggiornamenti normativi, approfondimenti, informazioni sui finanziamenti di prossima scadenza, corsi di formazione e tanto altro per la tua azienda.
Privacy e Termini di Utilizzo
55032 - Castelnuovo di Garfagnana (LU)
Via Pascoli, 34
tel. 0583 644144 - fax 0583 641333

55100 - San Michele in Escheto Lucca
Via Martiri di Liggeri, 10
P.I. 01550770463
web developed by conceptio: software house

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie ?